Le sentinelle sedute


Milioni di persone, tutte le sere, portano avanti una protesta silenziosa contro il sistema, possibile che nessuno abbia ancora colto il segnale di questa protesta non violenta? Milioni di persone, ogni sera, come attente sentinelle che osservano un mondo in disfacimento, stanno sedute sul divano, sulle poltrone e guardano la televisione in silenzio. Non sappiamo come si mettano d’accordo, ma lo fanno alla stessa ora, tutte le sere. Il fatto che nessun sociologo, nessun politico, nessuno studioso abbia ancora colto il senso di quella protesta muta, di un flash mob taciturno che implora attenzione, la dice lunga sull’incapacità della nostra società di cogliere i segnali profondi. Gli attivisti più convinti si sono allenati a stare anche quattro ore davanti allo stesso programma, guardando con stoica resistenza gente che canta, che cucina, che limona, che gioca a calcio, in uno schermo sempre più grande, dagli orizzonti sempre più piccoli. Qualcuno cede e si addormenta prima di aver portato a termine il suo compito, ma prontamente si risveglia alla prima lite, al primo spot che alza il volume di quattro decibel, alla prima smitragliata del film della Marvel e si ricompone, torna nella posizione canonica degli indomiti rivoluzionari seduti e guarda. È gente che ha una convinzione invincibile ed educa i propri figli a questa pratica antagonista e non violenta. Da decenni questa gente guarda, guarda, guarda in silenzio e nessuno si chiede quale profonda esasperazione, quale senso di ripulsa verso il sistema li spinga a un gesto tanto estremo.

Fin da piccoli, fin da quando andiamo a scuola, ci viene insegnato che la società è formata da scale di valore che dipendono da quanto la nostra attività professionale sia astratta. Più la nostra attività professionale è astratta, meno ci sporchiamo le mani, più il nostro valore è alto.

Vittime di questo susseguirsi di valutazioni che, se ci vedono perdenti, ci spingono a pensarci inadatti alla società, cerchiamo la fuga in automatismi già sperimentati, in comportamenti diffusi dalla propaganda e dal passaparola, ci immettiamo nel fiume del divertimento preconfezionato.

Il conformismo culturale ha invaso ogni angolo del nostro svago, dalle processioni motorizzate del fine settimana alle orge televisive, all’invasione delle tavole calde e delle pizzerie, siamo spinti a inquadrare la figura degli altri come sfere solitarie occupanti uno dei posti della fila, a inseguire automatismi di giudizio che servono a mettere alla gogna chi devia dalle processioni forzate.

Gli euforizzanti sociali, centellinati dalle radio, dalle televisioni, dalle luci al laser, dallo stroboscopio del susseguirsi delle immagini sui nostri smartphone, hanno la funzione di non rimettere in discussione la nostra umanità.

Se noi non rimettiamo in discussione i nostri comportamenti, continueremo a essere produttori e consumatori di mercanzie senza soluzione di continuità, in un moto circolare, in un richiamo a volano, che c’impedisce di uscire dal loop della produzione, consumazione, defecazione, della nostra realtà mercificata.

Caghiamo le nostre merci con la stessa rapidità con cui le fagocitiamo e, qualunque sia il ruolo che occupiamo all’interno della piramide produttiva, siamo noi stessi il servo-meccanismo della macchina che costruiamo, sempre più grande, sempre più luccicante, sempre più impossibile da decifrare. Oggi, un bambino riceve regali che abbandona poco dopo avere tolto il cellophane, tanto domani ne riceverà altri.

Ma tutti questi servo-meccanismi sono sistemi chiusi, gruppi esclusivi, che si contrappongono ad altri gruppi, in competizione perenne, sia che si tratti di aziende concorrenti, sia che si tratti di gruppi ultras, sia che si tratti di insiemi etnici.

Quando la televisione chiama, quando il cibo chiama, quando la retorica chiama, il rumore è quello che avvertono gli animali domestici all’agitare le scatole dei bocconcini a loro riservati. E dunque anche noi, a quei richiami, ci poniamo in quella posizione che ci hanno insegnato da piccoli e che assumiamo tutte le volte che ci troviamo di fronte all’ipnosi del potere, l’educazione ce lo impone e l’educazione che abbiamo ricevuto si può riassumere in due parole: “stai seduto”.

187.026 pensieri su “Le sentinelle sedute

  1. I am curious to find out what blog platform you have been working with?

    I’m experiencing some small security problems with my latest website and I’d like to
    find something more safeguarded. Do you have any solutions?

  2. Hi there, just became aware of your blog through Google, and found that
    it is really informative. I am going to watch out for brussels.
    I’ll be grateful if you continue this in future. A lot of
    people will be benefited from your writing.
    Cheers!

  3. I was curious if you ever thought of changing the page
    layout of your blog? Its very well written; I love what youve got to say.
    But maybe you could a little more in the way of content so people could connect with it better.
    Youve got an awful lot of text for only having one or two
    images. Maybe you could space it out better?

  4. I was suggested this web site through my cousin. I’m
    now not sure whether or not this put up is written by him as nobody else
    know such specified about my difficulty. You’re amazing!
    Thank you!

  5. As when Reagan said he wouldn’t use Mondale’s age against
    him. That doesn’t mean that any particular stock, industry,
    or sector was up or down, but rather that the Dow Jones Industrial average was either higher or
    lower than it was yesterday (or the previous trading day in the case of Monday’s and holidays).

    Due to its success, the 8-screen video news service was likewise launched which
    was way ahead of the standard 4-screen.

  6. I wanted to thank you a lot more for this remarkable website you’ve developed here.
    It’s truly is stuffed with valuable tips for those who are genuinely interested in this
    area of interest, particularly this very post.

  7. Wonderful blog! Do you have any hints for aspiring
    writers? I’m planning to start my own website soon but I’m a little lost on everything.
    Would you suggest starting with a free platform like WordPress or go for a
    paid option? There are so many choices out there
    that I’m completely confused .. Any recommendations?
    Thanks a lot!

  8. Hey, you utilised to compose magnificent, but the last few posts have been kinda dull… I miss your wonderful writings. Past many posts are just a tiny bit out of track! come on!

  9. こちらのブログは、ジャグラーシリーズの勝つ確率をあげる立ち回り方について、3STEPで分かりやすく記述しています。

    このHPでは、私が約2年間つかって検証を重ね、現に利益を捻りだした情報ですので、ジャグラーで勝ちたいという人には、誠にお徳な情報です。

    くわしくは下記のサイトをクリックしてください。

  10. I’m in love with this blog. I have visited this web site so
    often. I found this web site on the internet.
    I have gotten a great stuff of information. Many thanks.

  11. Hello, i read your blog occasionally and i own a similar one and i was just wondering if you get a lot of spam feedback? If so how do you prevent it, any plugin or anything you can recommend? I get so much lately it’s driving me crazy so any help is very much appreciated.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *