L’identità

L’identità è il desiderio di trovare nel mondo qualcosa che ci sia identico. La radice sanscrita del termine ci mostra che quando dico che una cosa è identica dico che è la cosa, è questa cosa qua, è la stessa cosa. Con i frattali, abbiamo anche capito che il più delle volte un insieme è composto di parti che sono identiche all’insieme, ma più piccole.

Il cavolfiore è un fantastico esempio di frattali, ogni parte del cavolfiore è un cavolfiore in miniatura.

Quando cerchiamo la nostra identità, vogliamo riconoscerci in un frattale più grande. Ultimamente i matematici fanno studi molto interessanti sull’uso dei frattali nella costruzione di villaggi africani di stampo primitivo: ogni capanna è uguale nella forma al cerchio dell’insieme delle capanne, c’è addirittura un frattale più piccolo che è un vero villaggio in miniatura: è il villaggio degli spiriti, perché gli spiriti hanno bisogno di meno spazio. Ma ciò che appare è solo ciò che appare a noi, ciò che misuriamo è solo ciò che noi abbiamo deciso di misurare.

Riuscire a capire che il mondo non è quello che diciamo e che ci dicono, è molto difficile. In realtà, quando parliamo del mondo parliamo di classificazioni. Un ragno non è un insetto, una pianta non è un animale, ma quello che è una pianta o un ragno o un insetto non è comprensibile, possiamo solo classificarne le apparenze. Stabiliamo dei parametri, ma si tratta di parametri soggettivi, o di comodità pratica. È un po’ come quando definiamo le razze umane in base al colore della pelle, cosa che non facciamo, ad esempio, per i cani. Molti animali classificano il mondo in base al calore.

Benoit B. Mandelbrot, il teorizzatore dei frattali, pensa che il mondo si può descrivere anche in base alla “rugosità” dei suoi componenti. Siamo tuttavia sempre a ciò che appare, che, intendiamoci, si può misurare perché alla fin fine tutto è formato da rapporti matematici, ma anche la misurazione è soggetta ai criteri soggettivi di chi misura e decide di misurare alcune cose anziché altre. Il nord, il sud, l’est, l’ovest, non sono punti precisi dello spazio, sono punti di vista. E la vista inganna.

C’è un ragno che entra nei formicai ignorato dalle formiche, perché ha l’odore delle formiche e l’aspetto delle formiche, tiene alzate due zampe come fossero antenne, poi fa una strage. L’aspetto è ciò che ci colpisce, ma se parlassimo con un non vedente capiremmo che esistono percezioni del mondo che ci sfuggono, esistono reti, legami, onde, che non si mostrano volentieri. Ma cos’è un uomo o una donna? Si tratta della somma degli atteggiamenti che abbiamo imparato per essere uomini o donne, ma si tratta di definizioni fasulle, ciò che siamo veramente forse è ancora una classificazione.

Ci sono uomini che vogliono essere donne, donne che vogliono essere uomini per sentirsi veramente se stessi; ma sono “veramente” se stessi, o sono di nuovo una somma di atteggiamenti, di vestiti, di apparenze esteriori?

Se uccido una persona sono un assassino, se aiuto una persona sono un altruista, ma se faccio entrambe le cose? Qual’è la mia identità? Se innesto il ramo di un melo in un pero, le mele che nascono di cosa si sentiranno parte? Quale sarà la loro identità?

Ogni giorno è diverso, noi siamo diversi, niente è mai la stessa cosa, lo si dice da sempre, ma è difficile interiorizzare questa idea perché il rischio è quello di impazzire. Già, i pazzi, un’altra classificazione che stabilisce quando una persona è utile alla media delle altre persone e quando invece è inutile o dannosa. E questa classificazione si basa su quanto una persona sia o meno prevedibile.

I fiori ornamentali hanno più dignità delle “erbacce”, diamo loro un valore morale.

Ma torniamo alle classificazioni. Io credo che le piante siano animali. Le piante sono solo animali estremamente sedentari che non conoscono la fretta. Quanto ci mette un fico strangolatore a uccidere un altro albero? A volte qualche secolo. I semi del fico strangolatore vengono mangiati e trasportati dagli animali, nei loro intestini. I semi del fico sono indigeribili, perciò se ne stanno al caldo tutti interi, incuranti dei succhi gastrici. Gli animali lasciano le loro feci sui rami di altri alberi, e qui i semi cominciano a germogliare. Prima nascono le foglie, da una piccola radice tra le feci, che si aggrappa al ramo, poi partono verso il suolo le radici aeree. Se le radici raggiungono terra, è l’inizio della fine per la pianta ospite. Ramificando, le radici avvinghiano l’albero, diventando sempre più robuste, finché il tronco dell’ospite è completamente avvolto da una fitta rete di rami e radici del fico strangolatore. Ci vogliono un paio di secoli, ma alla fine, l’albero ospite muore soffocato e funge da sostegno per il rigoglioso fico. Il quale dà alla luce frutti che attireranno gli animali i quali porteranno in giro per il mondo i suoi figli assassini.

118.250 pensieri su “L’identità

  1. I was suggested this web site through my cousin. I’m no longer positive whether or not this publish is written via him aas nobody else reallize such designated about my trouble. You are incredible! Thank you!

  2. Heya! I’m at work surfing around your blog from my new iphone! Just wanted to say I love reading through your blog and look forward to all your posts! Carry on the outstanding work!

  3. I simply could not go away your web site prior to suggesting that I extremely loved the standard information an individual provide for your guests? Is gonna be again regularly to check out new posts.

  4. To give protection against such risks there is Item
    is Transit insurance policy – which you might also
    see called GIT insurance coverage.

  5. Good post. I learn something more challenging on completely different blogs everyday. It’s going to always be stimulating to read content material from different writers and apply somewhat one thing from their store. I抎 prefer to make use of some with the content material on my weblog whether or not you don抰 mind. Natually I抣l give you a link on your web blog. Thanks for sharing.

  6. If you are a novice and are looking for a solid platform straight away, it is advised to
    check SpotOption Platform Testimonial and after that to get one of
    the brokers offering this platform.

  7. OptionRally – UK based Binary Options traders planning to benefit from charitable high-yield choices should
    ensure to take a look at OptionRally.

  8. The initial thing that you just must consider is the budget.
    There’s no other on eartgh that could produce a girl
    happier when compared to a shiny engagement ring.
    Twisting, warping or shifting that may loosen the stones is among the most common damages that will get ljcky and tiffany or prong settings. http://collinbocp924spot.total-blog.com/

  9. It as in reality a great and helpful piece of information. I am satisfied that you simply shared this helpful tidbit with us. Please stay us up to date like this. Thanks for sharing.

  10. What a awesome review ! Very well-written and helpful .
    I will keep checking your site more often than in the
    past. And I assume I will find on this website more great articcles
    tto read.Anyway, I also run a web page. Perhaps it is a
    little different theme , but I warmly greet people who want too take a payday loan Las Vegas .
    Don’t hesitate to visit our website .

  11. Its like you learn my mind! You appear to grasp a lot about this,
    like you wrote the e book in it or something.
    I thhink that you just can do wit some percent to power the message home a liittle bit, however instead of that, this is fantastic blog.
    A fantastic read. I will definitely be back.

  12. A good, well developed Binary Options Trading broker should offer a number
    of ways of contact their customer support service, along with supplying customer assistance in multiple languages.

  13. Thanks for your marvelous posting! I really enjoyed reading it, you may be a great author.I will be sure
    to bookmark your blog and definitely will come back in the foreseeable
    future. I want to encourage that you continue your great work,
    have a nice evening!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *